Diario di viaggio - Arrivo a Nizza e guida alla sopravvivenza

Lettori in soffitta, il primo giorno presso Nizza non è stato carico di risvolti culturali e stavo pensando a come impiegare un po' questo primo articolo. Per cui ho deciso di pubblicare una guida pratica. Insomma, conoscono Nizza da anni e delle volte mi annoio anche un poco, perché partiamo dal principio che Nizza è una città che va vissuta con i propri coetanei. 
Però non tutti la conoscono come me, per cui, nel caso voleste passare per la Costa Azzurra, ecco una serie di utili consigli.

Se partite d'inverno, potete portarvi ciò che di solito usate nella stagione fredda ma non vi dirò di esagerare coi capi pesanti. D'estate è un po' diverso. Prima di tutto: siate pratici, sopratutto per l'arrivo. Se arrivate a Nizza e mettete piede sulla Promenade des Anglais, per poi girarvi verso l'aeroporto o il resto del lungomare, notate se vedete le estremità con  nitidezza. Se la risposta è no, preparativa a un caldo umido abbastanza pesante. Andate di shorts, magliette che sembrano aria e non mettetevi tessuti troppo artificiali o pantaloni lunghi se non volete soffrire. 
Fra i vari oggetti di necessità, vi consigli di portare un adattatore universale, perché moltissime prese francesi hanno solo due buchi e non tre. Per esempio, il caricatore del mio computer ha tre spine. 
Se odiate i rumori forti - questo dipenderà da dove siete situati con la casa o l'albergo - portatevi dei tappi per le orecchie. Vi serviranno.

Per l'arrivo ci vogliono alcune accortezze. Se siete dei coraggiosi che hanno scelto di usare l'auto avete due vie: l'autostrada e il lungomare. Potete imboccare quest'ultimo vi basterà prestare attenzione alla segnaletica che a un certo punto vi chiederà se volete passare verso Monaco e Cap d'Ail. La via è più lunga per via delle strade a tornante e un poco strette ma potrete concedervi una visita panoramica di tutte le piccola cittadine e di Monaco, che si trovano prima di Nizza. 
Se prendete l'autostrada ed entrate direttamente a Nizza, badate bene - anche se non credo succeda più da un po' di anni - di avere le portiere chiuse e di non esporre borse o simili. Più di una volta, sopratutto se avete una targa straniera, è capitato a me e amici italiani di Nizza di aver subito dei tentati scippi. Se vi capitasse - anche se qualcuno vi si buttasse in mezzo alla strada, cosa che mi accadde - non fermatevi e tirate dritto. 
Se arrivate dall'aeroporto, sappiate che ci sono moltissimi piccolo autobus pronti a portarvi verso il centro di Nizza. Una volta usciti controllare di quale autobus necessitate e trovare la giusta biglietteria. Dovete far vedere il biglietto al controllore o non potrete salire.
Ulteriore informazioni per gli spostamenti. Se avete intenzione di spostarvi da Nizza e visitare i dintorni, ammettendo che non abbiate scelto dei tour guidati, potete prendere una macchina a noleggio senza troppe difficoltà. I parcheggi abbondano - ma sono costosi. 
Oltre la macchina, potete raggiungere la stazione, posizionata dall'altra parte rispetto a Place Masséna e al termine della via commerciale di Avenue Jean Médecin. L'Avenue è attraversata dal tram che vi può condurre in moltissime altre zone e tutta la Promenade des Anglais è disseminata di fermate dell'autobus. 
Ulteriore opzione per i salutisti è la Vélo Blu, una bicicletta a nolo fai da te che potete trovare lungo la passeggiata della Promenade, più verso il centro. 

Supponendo che non abbiate preso un hotel ma una camera in stile Airbnb ci sono un paio di cose che dovete sapere sul cibo. Nizza è piena, stracolma di bar, gelaterie, caffé, ristoranti e via dicendo. C'è l'imbarazzo della scelta, ma lasciatevi consigliare da me. 
Molti ristoranti che potrete trovare nella zona piéton, ovvero la pedonale, sono prettamente turistici. Sì, voi siete turisti ma vorrei non vedervi finire avvelenati. Ora, per essere chiari: potete mangiarvi comunque ed uscirne in perfetta salute. Ma io ho abitato in una zona in cui il mio giardino confinava con le cucine dei suddetti ristoranti. Oltre gli odori - ma quelli sono comprensibili - i topi... erano molti. E così le blatte. Insomma, i ristoranti di Rue Massena potete evitarli o tentare la sorte. I bar sono più sicuri. In ogni caso, c'è sicuramente qualche ristorante fattibile perché a Nizza è facile che chiudano e ne aprano di nuovi in un giorno. Anche la Vielle Nice non è pulitissima ma ci sono molti locali caratteristici.
Se invece non avete voglia di spendere, perché bene o male Nizza costa - sopratutto se ordinate sulla Promenade - ci sono moltissimi supermercati in cui potete trovare di tutto e uno dei luoghi migliori se siete troppo pigri per cucinare è Picard. Si tratta di una catena di surgelati da cui potrete comprare dessert dall'aria super raffinata, agli hamburger, al sushi, alle verdure e via dicendo. I costi suono abbastanza buoni e diciamo che può essere il vostro salvavita in caso vogliate qualcosa di sfizioso senza alcuno sforzo. 


Infine ecco alcuni accorgimenti e nozioni che potrebbero risultarvi utili.
  • Le spiagge di Nizza sono di soli sassi. Si alternano spiagge libere e stabilimenti. Nelle prime andate attrezzati e se vi gettate tutti in mare, badate di non esservi portati dietro oggetti importanti perché potresti non ritrovarli. Gli stabilimenti hanno un prezzo ma avrete anche bagnino, ristorante, materassino su cui stendervi e camerieri. 
  • Ci sono molti divertimenti acquatici a vostra scelta presso cui recarvi. Nessuno è mai morto ma il mare ha fatto qualche affogato. Si tratta di un mare profondo che va subito in discesa. Scordatevi i litorali italiani in cui dovete camminare miglia prima di non toccare più. A volte è molto mosso ma se siete dei bravi nuotatori non avete nulla da temere. Io mi sono gettata fra le onde in tutte le situazioni ma alcune mie amiche si sono rifiutate di nuotare al largo o rotolarsi in acqua XD
  • Prestate attenzione a quando c'è la bandiera rossa esposta, perché vorrà dire che vi è divieto di balneazione. Due o tre volte c'è stato l'allarme attaque de requin, ovvero della presenza di squali lungo le coste, ergo se nuotate al largo prestate sempre attenzione. Ulteriore attenzione in caso vi troviate davanti uno oggetto che non riuscite ad identificare. Non toccatelo per nessuno motivo perché potrebbe essere una bomba inesplosa, residuo della guerra. Il ritrovamento o lo spiaggiamento di queste è successo più volte a Nizza. 
  • La lingua! Alcuni sanno l'italiano, alcuni lo parlano ma non vogliono usarlo. In ogni caso l'inglese è a vostra perfetta disposizione. Ma è anche possibile che siate sommersi da moltissimi altri italiani. 
  • Dopo l'attentato non vi stupite se prima di entrare in un centro commerciale o altro grande store vi perquisiscono. Non fatelo neppure se vedete militare coi mitra girovagare sulla Promenade o lungo le strade. Tutta la passeggiata è stata rinforzata con paletti di ferro e alberi per evitare o frenare la ripetizione di simili eventi. 

Per il momento è tutto! Sono sicura di essermi scordata qualcosa ma siete liberi di porre domande. Spero che possa risultarvi interessante e a presto :)

2 commenti

  1. Ciao Camilla! Interessante guida turistica, sicuramente ricca di utili consigli. Sono stata a Nizza per il carnevale un paio di anni fa e l'anno scorso ho optato per Cannes in estate..che dire, la Costa Azzurra ha il suo fascino e come hai detto i suoi costi, ma non ricordo vacanze più piacevoli!
    Per i ristoranti avrai sicuramente più esperienza e prendo nota per la prossima volta, a Cannes ricordo il Bella Storia dove ho mangiato almeno cinque o sei volte senza mai aver problemi di alcun tipo, ma a Nizza probabilmente sarò andata in qualche ristorantino da turisti...a parte una sera che siamo finiti in un ristorante siciliano dai gestori a dir pico accoglienti! ^^

    Be, seguirò la tua cronaca dal posto con un bel taccuino per gli appunti a portata di mano! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuto questo post! Ne scriverò un altro soltanto, al riguardo dei viaggi, più vario :)

      Elimina

Spero che il post vi sia piaciuto e attendo i vostri commenti :)